Scommesse calciomercato 2018, Arsenal scatena effetto domino sulle panchine



Dopo quasi 22 anni di collaborazione, Arsène Wenger, che è attuale allenatore dell’Arsenal, lascerà la panchina dei Gunners a fine stagione. La notizia era nell’aria già da parecchio tempo, ma è stata resa nota ed ufficializzata solo lo scorso 20 aprile del 2018 a seguito di una decisione che, peraltro, è stata presa dal tecnico di comune accordo con il club inglese.

L’addio di Arsène Wenger ha subito stravolto il palinsesto delle scommesse calciomercato da parte dei principali operatori online a partire da quelli che sono recensiti sul sito specializzato www.bookmakerstranieri.it. E questo perché al posto di Arsène Wenger l’Arsenal andrà di certo alla ricerca di un allenatore top a partire dalla stagione calcistica 2018-2019.



Per il dopo Arsène Wenger, ad esempio, già da tempo si parla di un interessamento dei Gunners per l’attuale allenatore della Juventus, ovverosia di Massimiliano Allegri che, pur tuttavia, ha un contratto in essere con il club bianconero fino al 2020, e per ora non ha peraltro fornito dei segnali chiari e tangibili di un possibile divorzio dalla società che è attualmente guidata da Andrea Agnelli.

E’ anche chiaro che i contratti sono fatti anche per essere rescissi, ma al momento, a meno che la Juventus perda lo scudetto e la Coppa Italia, difficilmente Massimiliano Allegri si muoverà da Torino. Ed allora, almeno per il momento, i bookmakers hanno abbassato le quote scommesse su Carlo Ancelotti come prossimo allenatore dell’Arsenal, così come è aumentata la probabilità che Roberto Mancini vada invece a coprire la carica di Commissario tecnico della Nazionale di calcio italiana. Carlo Ancelotti, insieme a Roberto Mancini, è in corsa proprio come Ct della Nazionale, mentre per la panchina dell’Arsenal, oltre all’ex tecnico di Bayern di Monaco e PSG, ci sono in quota pure Thomas Tuchel e Patrick Vieira.

Quel che è certo ad oggi è che con la panchina che si libera all’Arsenal il valzer delle panchine in Europa sarà inevitabile. Al riguardo, tra l’altro, non c’è da escludere che pure l’attuale tecnico del Napoli, Maurizio Sarri, possa allenare un club della Premier League nel caso in cui decidesse di lasciare il club azzurro. Se dovesse esserci un dopo-Sarri, il Napoli potrebbe ingaggiare un tecnico bravo ed emergente come Giampaolo, mentre in caso di addio di Massimiliano Allegri alla Juventus la società bianconera potrebbe portare a Torino Simone Inzaghi, l’attuale tecnico della Lazio che sta facendo molto bene con il club biancoceleste.