Cos’è e Come si fa un Business Plan



Oggi la presenza di un Business Plan alla base dei propri progetti, sia che si tratti di un sogno ancora in via di realizzazione, che di un’attività agli albori, risulta pressoché indispensabile. Nell’eventualità di una nuova attività imprenditoriale si dovranno tenere conto non soltanto dei fondi necessari, dello spirito di dedizione, delle competenze professionali, ma anche di un piano strategico in grado di andare a regolamentare tutti i punti salienti senza tralasciare nulla al caso.

All’interno delle righe successive ci occuperemo di approfondire tutte le caratteristiche tecniche relative ad un Business Plan, soffermandoci in particolar modo sugli stratagemmi e i consigli da seguire ai fini di una realizzazione semplice e veloce.

Perché un Business Plan è Fondamentale per chi Apre una Nuova Attività

Un Business Plan, come ci ricorda Softwarebusinessplan.it, risulta ad oggi uno strumento fondamentale, rivolto soprattutto alle aziende e all’apertura di diverse attività, al di là dei settori e del mercato in cui si andrà attivamente ad operare. Il Business Plan consiste in una documentazione all’interno della quale il soggetto imprenditore dovrà riportare i punti chiave del proprio progetto professionale, con l’obiettivo di elencare e perseguire i diversi traguardi progressivi riposti al suo interno.

Il Business Plan si dimostrerà allo stesso tempo particolarmente utile anche in presenza di intermediari finanziari, qualora si rivelasse necessaria la richiesta di un credito in supporto al raggiungimento dei propri progetti aziendali. Dal punti di vista economico un Business Plan accuratamente redatto potrà andare ad incidere direttamente sul calcolo del premio assicurativo.



Anche successivamente all’avvio della propria azienda tale documentazione continuerà a rivelarsi importante dal punto di vista degli obiettivi e delle migliorie da apportare. Ma per realizzare un buon Business Plan occorrerà seguire almeno una decina di linee basi primo dei quali i requisiti generali dell’imprenditore e dell’azienda. A primo impatto i dati generali dovranno quindi essere preferibilmente riportati sulla prima pagina di copertina del documento, integrando nome, cognome, luogo e data di nascita, indirizzo residenziale, indirizzo relativo all’azienda e numero di telefono. Secondariamente dovrà essere riportata una descrizione esaustiva del progetto nella sua interezza, delineando la necessità dei servizi aziendali, della strumentazione, delle rispettive competenze necessarie, il tutto unito alla possibilità di riportare sia grafici che video dimostrativi.

Fondamentale anche l’inserimento di un’analisi di mercato, nell’eventualità della richiesta di un prestito futuro. Occorrerà quindi soffermarsi anche sulla strategia di marketing, cercando di andare a specificare e a spiegare la finalità alla base del proprio progetto, riferendosi alla destinazione della clientela, ai servizi offerti, occupandosi in questo caso di appurare la reale necessità di mercato al fine di poter ampliare sempre di più la futura clientela. Il Business Plan dovrà integrare tutti i relativi costi di produzione e realizzazione dell’impresa, stabilendo un range di tempo per il recupero degli investimenti, la struttura organizzativa interna correlata dalle varie figure e competenze interne.

Non meno importante anche il discorso della pubblicità e della sponsorizzazione dell’azienda e dei propri servizi, riportando anche in questo caso eventuali allegati di grafici o elenchi degli sponsor, ecc. Per ultime anche le proprie motivazioni alla base del progetto creato, andando a spiegare a parole concrete tutte le idee a supporto dell’avvio dell’attività.